Skip to: Site menu | Main content

Bio di Fabrizio Oliver

Ciao a tutti. Sono Fabrizio Oliver, di Laives (Bolzano). Sono nato nel 1973. Vi ho conosciuto girando sul web alla ricerca di "cose" particolari nel mondo della corsa, del quale sono affascinato da marzo 2005. Ho sempre fatto sport di fatica, sci di fondo e ciclismo. La corsa l'ho sempre considerata un mezzo allenante per questi sport. Correvo però senza voglia e senza scopo. Da marzo 2005 appunto, considerate le mutate esigenze familiari (moglie e due bambini di 2 e 5 anni) ho scelto la corsa come sport principale dato che consente di ottimizzare i tempi di allenamento. Mi sono anche posto un obiettivo, per "costringermi" a lavorare in modo costante, e, come succede a tanti pivellini della corsa, l'obiettivo scelto è stata la maratona. Da allora la corsa mi ha preso sempre più, le mezze maratone fatte e la maratona chiusa in 3:30 (Roma, marzo 2006) sono passate come naturali gradini nella crescita dell'amore per questa disciplina. Col tempo ho iniziato ad apprezzare, e a desiderare perfino, cose che solo qualche mese fa avrei considerato folli, tipo i lunghi nel fine settimana. Nonostante mi piacciano i risultati, i tempi, il cronometro, le andature, le tabelle non corro il rischio di diventarne schiavo: mi ritengo infatti un fanatico pigro. Sempre in bilico tra la voglia di endorfine fresche e la voglia di starmene sdraiato sul divano, tra la consapevolezza dell'utilità di un allenamento in pausa pranzo ed il pranzo stesso davanti ad un bel bicchiere di Lagrein, tra il desiderio di scendere sotto i settanta chili ed il desiderio di schifezze tipo insaccati e fritti, tra la tabella e le altre cose belle della vita. Quello che mi piace di più però è correre nella natura, adoro i trail (non troppo lunghi!) e le skyrace, da solo o in compagnia: in quei momenti mi sento veramente a casa. Vi ringrazio per aver potuto leggere dei pezzi di rara poesia tra i vari messaggi, ma soprattutto tra i vincitori della Penna Estinta: quando si piange davanti ad un computer significa che c'è ancora speranza.