Skip to: Site menu | Main content

Bio di Leonardo Magazzini

Nome: Leonardo Magazzini. Data di nascita: 9 ottobre 1971. Residenza: Scandicci (Firenze). Professione: ingegnere elettronico. Hobby: viaggiare, leggere, cinema, informatica, tutto il mondo dello sport. Segni particolare: una sana forte carnale passione per la corsa. Altri sport praticati: sci alpino, tiro con l'arco, nuoto. La mia storia di corsa: iniziai a correre nella lontana primavera del 1988, seguendo il babbo appassionato podista (allora quarantacinquenne ex fumatore incallito e poi maratoneta da 3:08). Subito, benché adolescente, mi appassionai alle distanze più lunghe e già a 17 anni correvo in tranquillità oltre l'ora; a 18 esordivo sulla mezza; a 22 sulla maratona e subito capii dove sarebbe stato il mio futuro podistico, con un buon 3:02 e qualche rammarico per una prima metà un filo veloce... Il biennio 1994-1995 è stato il mio migliore: il primo anno con un record sui ventuno chilometri di 1:23.30 e una coppia di buone maratone, la prima in 3:03 in pieno relax e dopo tre settimane la prima volta sotto le tre ore, 2:58, superato poi l'anno successivo da un ottimo 2:57 e un grosso rammarico per aver saltato l'ultimo mese di allenamento dopo essere stato investito da una bici durante una seduta di ripetute sennò... Dopodiché un po' la voglia che è diminuita, un po' il servizio civile, la tesi di laurea e poi qualche impiego lavorativo troppo stressante, insomma ho diminuito parecchio, specie sui ritmi: ho ripreso con le due maratone del 2002 e 2003 ma sono state tra le 3:22 e le 3:33, poi qualche altro infortunio e incidente di troppo e siamo ad oggi, probabilmente con la stessa voglia di dieci anni fa. Oltre le maratone adoro anche le gare lunghe e le mezze, persino la corsa in montagna anche se in salita sono troppo lento e preferisco percorsi piani e scorrevoli. Oltre a continuare a fare il maratoneta restano un paio di sogni nel cassetto: il primo, fare l'allenatore per aspiranti podisti e maratoneti (per ora mi accontento di fare da guida a vari amici), e poi correre quattro gare che mi affascinano: la "Pistoia-Abetone", la "100km del Passatore", la "Jungfrau Marathon", e la maratona di New York.