Skip to: Site menu | Main content

Bio di Roberta Cancellada

Ciao a tutti, sono Roberta e finalmente dopo un anno di partecipazione più passiva che attiva alla lista arrivo con la mia biografia. Bene dopo aver dato una scorsa alle altre biografie posso dire di far parte di quel manipolo d'eroi nato prima degli anni sessanta: sono nata infatti nella notte più lunga dell'anno nel lontano (ahimè) 1955 a Mestre-Venezia. Grazie ai miei genitori ho sempre praticato sport anche se allora non era poi così consueto per le bambine. Questo per dirvi che prima di arrivare alla corsa ho esercitato corpo libero, parallele ed asse (ma per la ginnastica artistica non avevo il fisico...), ho nuotato per molti anni a livello agonistico (lo sport della mia adolescenza che pratico tuttora come master), e quando smisi con le gare mi sono dedicata a svariate attività, dalla pallavolo al tennis, dalle arti marziali alla danza jazz, allo sci. Di una cosa sono stata sempre sicura fino a due anni fa: non avrei mai corso. E invece... Cedendo ai ripetuti tentativi di Daniela (sorella runner e thriatleta) per farmi smettere di fumare (ebbene si, il mio pacchettino al giorno c’era) e di fare un po' di jogging, finalmente inizio nell'autunno del 2000... acquistando le mie prime scarpe: per il fumo e la corsa dobbiamo aspettare l'estate successiva. Ricordo ancora la fatica per ridurre le sigarette ed aumentare i metri (si, proprio i metri) di corsa. Per arrivare a "correre" una ventina di minuti ci ho messo una vita e tanta buona volontà. Estate 2001, la svolta: il 14 agosto alle 24 fumo la mia ultima sigaretta ed in settembre esordisco con la mia prima dieci chilometri arrivando ultima ma felice per la mia straordinaria impresa (mi hanno anche premiato!). Da allora in poi è stata passione, condivisa da altri neofiti come Riccardo, Meri, Anna ed altri ancora e da vecchie volpi che ci spiegavano i trucchi del mestiere. Primavera, estate ed autunno 2002 sono state una escalation continua, ogni domenica una corsa su qualsiasi terreno, con qualsiasi tempo (mi sono anche persa nella nebbia) e sempre più chilometri! A fine settembre ho corso la mia prima maratonina (2:05.00) ed a fine ottobre da perfetta incosciente la "Venice Marathon" che ho concluso in 5:07.00. Ora siamo nel 2003, ho ricorso la "Venice Marathon" nonostante uno stop di quattro mesi (lesione ai legamenti) e ci ho messo ben mezz'ora di meno 4:38.00, ho partecipato a qualche corsa in montagna scoprendo che mi piacciono forse più di quelle su strada (amo le salite!) e soprattutto ho capito che "Never say never"... La foto è quella della maratona di quest'anno ed è stata scattata poco prima del trentesimo chilometro. Ero proprio felice, si vede vero?