Skip to: Site menu | Main content

Bio di Giorgio Spaccazocchi

Mi chiamo Giorgio Spaccazocchi, sono nato il primo settembre 1969 a Roma dove ancora oggi risiedo. Vivo con la mia compagna Tiziana e la mia splendida bimba Alessia nata il 18 ottobre 2002 che è oramai il centro della nostra vita e ci riempie di felicità. Lavoro in una società di assicurazioni dove ho la responsabilità del controllo dei costi delle risorse umane. Nella mia vita ho sempre fatto sport. Mia madre per disperazione, a cinque anni, mi ha portato in una palestra dove insegnavano la pallacanestro (così sarei cresciuto di più, pensava) per far sfogare questa mia devastante vitalità. Forse aveva ragione sono diventato 1 metro e 88! Da allora non mi sono mai più fermato: basket, tennis e ancora basket sono stati gli sport che hanno occupato per intero i miei anni di gioventù. Sempre con il massimo impegno e voglia di migliorare. Non ho rimpianti, mi sono divertito, ho ottenuto dei discreti risultati (ho giocato anche in serie B) che mi hanno ripagato appieno dei sacrifici che lo sport agonistico mi ha richiesto. Da una decina di anni sono anche allenatore federale ed istruttore di mini basket. Ho allenato e giocato contemporaneamente per alcuni anni e da quest'anno, con una punta di tristezza ho appeso le scarpe al chiodo. La speranza è di non abbandonare completamente questo amore magari vivendolo solo nelle vesti di allenatore. Da aprile del 2002 per gioco e per mantenermi in forma ho iniziato a corricchiare... subito è scattata la scintilla!!! I primi miglioramenti, le prime gare (dieci/dodici chilometri)... in poche parole le prime emozioni, hanno contribuito ad avvicinarmi a questo sport. Curioso di saperne di più mi imbatto nel bel sito di Luca Speciani e l'iscrivermi a questa lista è stata la logica conseguenza. Per il momento mi piace allenarmi tre volte a settimana reputandolo un giusto compromesso tra voglia di migliorare e vita privata. Sto iniziando a capire certi termini fino a poco fa sconosciuti come ad esempio ripetute, fartlek, medio, lungo di costruzione e soprattutto scarico (la cosa che mi riesce meglio). Il mio migliore risultato ad oggi in una dieci chilometri è 46.30. Grazie anche alla spinta dei listaioli sono riuscito, un mese fa, a finire la mia prima mezza ("Roma-Ostia" come da foto) con un tempo che per molti è ridicolo, ma a me ha dato grande gioia 1:51.55. Il mio sogno è fare la prima maratona, ma non ho fretta e voglio soprattutto gustarmi fino in fondo l'evento come sono riuscito a fare per la mia prima mezza. Spero che questo innamoramento non sia un fuoco di paglia, ma una bella avventura che mi accompagni per tanto e tanto tempo. Saluti e buone corse a tutti.