Skip to: Site menu | Main content

Bio di Patrizia Cini

Ciao, sono Patrizia Cini, nata nel lontano maggio del 1965. Ho iniziato a correre a 8 anni in quanto in età prescolare ero inciampata in una brutta broncopolmonite virale con compromissione bilaterale ed i medici avevano consigliato ai miei di farmi fare sport per compensare i seri problemi respiratori. Nei pulcini della Uisp di Scandicci quindi per quattro anni! Correvo forte, sembra, ma mi piacevano anche altri sport e a 12 ho smesso per ricominciare a 15 con gare in pista: un bel periodo, con la Quico Mc Sport di Firenze (quella di Pippo Cindolo) con Giovanni Schiavo come preparatore, un gruppo che ricordo con un sorriso, tanti ragazzi che si divertivano e sudavano, soprattutto crescevano con tante idee e progetti! Pista quindi e visto che il minimo per gli italiani allievi di Bologna sui 400 piani non veniva, abbiamo provato con gli ostacoli. Ho fatto così la mia ultima gara, personale e... e poi via nel mondo del lavoro, con la vita che ti mette un braccio intorno al collo e ti fa crescere! A 19 anni vivevo già da sola, lavoravo (infermiera), facevo mille sport (equitazione, calcio, arrampicata sportiva, tutto quello che capitava e tante camminate), allontanate definitivamente le velleità relative alla corsa corricchiavo due volte la settimana per una quarantina di minuti. A 30 anni matrimonio e una fantastica bimba (Sara) che adesso ha 7 anni, separazione e poi divorzio. In gravidanza un bel diabete che se ne era poi tornato via dopo l'allattamento ma... e qui è successo qualcosa, in breve mi hanno diagnosticato la difficoltà nel metabolismo degli zuccheri e consigliato di smetterla con qualunque attività sportiva (!!!). Proprio così, dopo vari svenimenti inspiegabili quest'anno accertamenti più mirati (pensate che mi sono anche sorbita una terapia anti-epilettica perché non capivano cosa fosse), un buon diabetologo e la diagnosi vera... solo ipoglicemia reattiva per fortuna! Cestinato il parere di chi mi voleva in poltrona ho trovato un buon specialista ed una fantastica dietologa, adesso persino un compagno di corsa medico che elargisce consigli! Ho detto loro che volevo preparare una maratona, abbiamo confezionato una dieta su misura, e via! Amici mi hanno procurato l'indirizzo e-mail di quel Giovanni che era il trainer da ragazzina e l'ho convinto a preparare Prato! Mi ha fatto correre un 10.000, spedire il tempo e poi è arrivata una tabella da urlo. C'è nessuno che ha ricominciato dopo venti anni?!? Era giugno, un caldo mitico e credevo proprio di non farcela, ma avere delle motivazioni è una forza grande ed ho stretto i denti. Morale della favola: Prato in 3:13 e tanto entusiasmo! Mezza a Livorno 1:25, Firenze 2:58... adesso sono ferma ma ricomincio con qualcosa di corto per il prossimo 2003. La lista me l'ha consigliata Andrea Maggini (ma forse non dovevo dirlo), la mia società dal 2003 sarà il Montemurlo e non vedo l'ora di iniziare nuove sfide! Di foto mando questa. Ero a Fiabilandia con Sara, perlomeno non sono sudata distrutta...